La francigena sottozero

Guarda Mamma, la neve!

I primi fiocchi coprono il centro Italia e io me la godo. Il freddo mi fa un baffo, in compenso c’è il sole e il panorama è stupendo. Ieri purtroppo primo intoppo fisico semiserio: dopo circa un’ora di cammino da Ponte d’Arbia l’articolazione del ginocchio sinistro ha cominciato a gemere. Nei giorni precedenti vari doloretti mi avevano colpito ma sempre a pochi km dal traguardo, per cui stringevo i denti e tiravo avanti. Ieri ero appena partito e non me la sono sentita di forzare; proprio perché temevo eventi del genere e viste le previsioni meteo, mi ero tenuto sulla Cassia e non avevo preso i sentieri, per cui ho fatto facilmente autostop; per fortuna ho un abbigliamento che mi qualifica come uno sportivo sfigato quindi ho suscitato sufficiente pietà negli automobilisti che mi hanno raccattato subito. Peccato, perchè le colline senesi imbiancate sono uno spettacolo che è bello godere con calma. A Siena sono stato accolto in una simpatica casa di studenti, amici di amici di amici, che mi hanno abbondantemente rifocillato e hanno abbattuto il dolore al ginocchio a suon di ghiaccio, Voltaren e Cabernet. Tra l’altro, non avevo mai visto il Duomo di Siena, e beh, ecco, come dire… ci son rimasto impalato davanti mezz’ora a contare i gargoyle. I toscani se la tirano ma a volte c’è da capirli, gli è andata proprio bene nell’assegnazione delle fette d’Italia.

Finora le persone incontrate e le chiacchiere e il calore giustificano ampiamente la fatica, ancor più dei panorami e della bellezza dei luoghi. Qui a Monteriggioni mi hanno accompagnato nei sentieri da dove la vista sulla Camelot de noantri si gode meglio, figuratevi col contorno di neve. Insomma, viaggio pieno di sorprese, soste da persone che vien voglia di restare a conoscere meglio, come il super parroco di San Quirico d’Orcia che mi mandava a comprargli le lucky strike prima della novena.

Intanto sono finalmente riuscito a mettere online un po’ di ridicoli video, tanto per farvi capire quanto tempo ho da perdere:





Annunci

19 risposte a “La francigena sottozero

  1. quasi quasi ci avevi spaventato. mostra a Terni,conosciuto genitori e amici di Caos. tutti molto contenti, chi gira si incontra.Siamo telegrafici e tutti con te, buon cammino.
    Luciano

  2. Dai coraggio, pensa a noi alle prese con Piermatteo e con il vero CAOS … meglio le vesciche!
    Saluti dalla conca

    p.s. video fantastic,
    soprattutto il “mangia e stai zitto”

  3. “I toscani se la tirano ma a volte c’è da capirli, gli è andata proprio bene nell’assegnazione delle fette d’Italia.”….vedo che inizi a capire, fra un pò affermerai che siamo addirittura modesti!
    A parte tutto, forza e coraggio e vestiti pesante che sto freddo è micidiale…un abbraccione

  4. un solidale saluto dalla bianca Romagna a -10°C! ..dove dei pazzi periti, ingegneri, per di più geometri, stanno disegnando in ufficio con il cappotto ;O) . “in bocca al lupo” Paolo! saluti dall’Andrea da Cesena :O)

  5. Ehi paolo,

    ti seguo. Non sembra ma ti seguo. Ti immagino mentre tutto ti arriva così rarefatto dall’artefatto mondo quotidiano e come, al contrario, tutto ti giunga nitidamente dal mondo che ti circonda. Ti abbraccio forte. Stringi i denti e… respira

  6. Finalmente possiamo sentire la voce del nostro eroe! Forza Paolo che la terra d’Albione non è poi così lontana!

  7. e dopo la neve finalmente è arrivata anche la pioggia!!! Mi era sembrato di capire che tu volessi vivere anche questa esperienza…bhè come è andata? Gli abiti tecnici hanno resistito alle intemperie? E i doloretti persistono?… ti procuriamo un ciuchino? A parte gli scherzi, ti auguriamo buon proseguimento e buone feste da passare “co’ il tu’ babbo e la tu’ mamma”. Un abbraccio forte (dalla tua cameretta gelida) Silvia, Maurizio, Sancho e Teresa.

    • mah, giusto qualche goccia, non abbastanza per testare la mia resistenza pluviale! forse mi rifaccio domani. i doloretti persistono, ma mi sà che devo farci il callo.

      grazie mille ancora ragazzi, siete stati splendidi ospiti

      buone feste

  8. Ciao, colgo l’occasione per augurarti Buon Natale e per dirti che, anche se da casa, in qualche modo camminiamo anche noi con te. Deve essere faticoso ma davvero bello. Auguri
    Chiara e Andrea (i vicini di casa della casa di fronte)

  9. allora pellegrino random??? ti pensiamo, buona vigilia!
    un abbraccio

  10. Per caso hai mai pensato di scrivere un libro su questa esperienza, una volta giunto a destinazione (e tronato a casa)? Io lo comprerei…

    Certo, il blog è bello, ma la soddisfazione di leggere tutta la storia su carta stampata…vuoi mettere?

  11. Ciao Paolo, ti sto seguendo giornalmente e ti invidio anche nelle piccole difficolà che incontri….sei grande.
    Ti auguro un gran bel Natale …..Aosta ti aspetta con la sua coltre di neve, non tanta per ora…a presto.
    Gg

  12. finalmente siamo tornati con una connessione internet decente e possiamo seguire più facilmente i tuoi spostamenti!
    Buon Natale!!!

    • mi sà che ultimamente mi connettevo più facilmente io di voi! spero vada tutto bene, ho visto il programma di capodanno e sembra una figata.
      un abbraccio, auguri!

  13. Secondo me fai come il barone rampante, che non è sceso più dall’albero, e tu non smetterai più di camminare, camminare, camminare… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...