Tutta piana fino ad Aosta

Mi sveglio presto al mattino. Sogno poco. Ricompongo minuziosamente lo zaino, ormai viene tutto automatico, ogni cosa ha trovato il suo giusto assetto e ci va a pennello. Mangio qualcosa. Allaccio bene le scarpe, riempio la borraccia, chiudo la giacca, una rapida occhiata indietro ed esco rapidamente. Mai un dubbio, mai un ripensamento. Al mattino inizio sempre a camminare con una determinazione di cui ignoro la provenienza. Credo sia il risultato, i mille risultati quotidiani. Oggi arrivo a Bolsena, oggi arrivo a Lucca, oggi arrivo ad Aulla. Arrivo a quel tornante e mi fermo, continuo fino a quella curva e faccio pausa, oltre il ponte c’è un paese. Guadagno un metro in più di mondo ad ogni passo: è l’attività più soddisfacente possibile, la più ricca di realizzazioni. 500 km sono niente, è arrivare in cima alla salita che conta, raggiungere il prossimo bar, il bivio con la provinciale. Se ogni giorno mi chiedessi quanto manca all’Inghilterra probabilmente non mi alzerei neanche dal letto. E invece è un viaggio diverso ogni giorno, un ospite diverso ogni giorno, un dialetto diverso ogni settimana, un cibo diverso, un panorama diverso. E ogni giorno hai combinato qualcosa, qualcosa che dà senso a quel giorno e cosa ancor più importante, lo dà anche a quello successivo.

La Toscana pareva non finire più, l’Emilia è già praticamente finita, insieme agli Appennini. 550km vuol dire un quarto del viaggio, vuol dire un mese di cammino. Le giornate durano tantissimo, ma la partenza continua a sembrarmi l’altroieri.

A Sarzana sono entrato in un ipercoop: mi scoppiavano le orecchie  bruciavano gli occhi e giravano i coglioni dopo meno di un minuto. Buon segno, vuol dire che mi sono talmente abituato ad altri ritmi e che un supermercato è già più ostico di quanto non lo fosse prima. I miei luoghi ora sono le strade, i baretti di paese, le parrocchie, le case degli ospiti e i loro divani-letto. Qualunque cosa di più luminoso e/o rumoroso e/o affollato mi dà il voltastomaco.

La programmazione si va via via allentando e il viaggio si adatta a se stesso ed alle nuove imprevedibili esigenze; dà un senso di libertà che mancava e anche i tendini se ne accorgono nonostante il tanto asfalto.

Tra poco pausa.

Animale guida: tartaruga.

Sacro Graal: doccia calda.

Annunci

14 risposte a “Tutta piana fino ad Aosta

  1. Buon proseguimento per questa tua bella esperienza,forse sono un po’ troppo grande per farti compagnia, ma credimi ti seguo con interesse e affetto.

  2. Questo ragazzo è da ammirare x molti motivi:
    1) la Francigena è il doppio del Camino di Santiago, e lascia ancora molto a desiderare sul tracciato del percorso e sulle possibilità di alloggio;
    2) fa il percorso d’inverno, nel periodo peggiore x le condizioni climatiche e durata delle ore di luce;
    3) la fa contromano; tutta le segnaletica oggi esistente è orientata in modo che sia leggibile da chi arriva da nord…
    Paolo,
    quando arriverai ad IVREA (fra una decina di giorni secondo la tua roadmap) avrei piacere di ospitarti a casa mia!
    E se capiti nel fine settimana ti posso accompagnare x un paio di tappe.
    Scrivimi
    paolo@vacchelli.it
    Buon viaggio
    Paolo

    • mi dedico un attimo al mio sport preferito: abbassare i toni 🙂

      1) la distanza è tanta, è vero, ma per l’ospitalità ci stanno pensando i milioni di couchsurfer sparsi per il globo
      2) l’inverno ha il solo difetto delle precipitazioni, che sono comunque inferiori all’autunno. Il freddo è anzi un vantaggio, si suda poco e si resta ben vigili. Le ore di luce utili sono circa 9 e io non camminerei 9 ore neanche d’estate.
      3) la segnaletica è comunque carente anche nell’altro verso e io mi sto tenendo quasi sempre sull’asfalto dove sono più che sufficienti le indicazioni normali.

      Detto questo ti ringrazio per il complimento, ma quello che sto facendo è più duro da un punto di vista mentale che fisico/pratico. A Ivrea ho già un ospite, ma compagni di viaggio fanno sempre piacere.

  3. Ciao Paolo, Aosta ti attende.
    Se ti va possiamo camminare insieme:
    il 18/1 Pont S.Martin-Verres;
    19/1 Verres-Chatillon;
    21/1 Aosta-Echevennoz.
    Poi come intendi passare il Colle del Gran San Bernardo visto che è chiuso?
    Come sei alloggiato a Verres, Chatillon, Aosta, Echevennoz ? fammi sapere.
    Gigi

  4. Hai scritto una bellissima frase: “Se ogni giorno mi chiedessi quanto manca all’Inghilterra probabilmente non mi alzerei neanche dal letto”. Sembra una frase zen, una di quelle che sembrano niente ed invece raccolgono un insegnamento di vita. Ed infatti quello che io ci leggo è che se stiamo sempre a pensare alle difficoltà di ogni impresa che ci attende nella vita, non combineremmo mai nulla…

    O sono io che mi faccio seghe mentali? Comunque forza e coraggio che in fondo la Terra d’Albione ogni giorno che passa è sempre più vicina.

  5. Ciao Paolo,
    complimenti per questa tua meravigliosa avventura. Ti ammiro e ti invidio. Fammi sapere se ad Aosta non hai ancora agganci…

  6. Anch’io ti ammiro. Camminare d’inverno non l’ho mai fatto. Sei molto bravo. E leggerti è un piacere immenso, con molta emozione.
    Quel che fai ti mette la mente a un livello più alto, prova i sentimenti à l’ipercoop.
    Utreïa (le mie Alpi) !

  7. “A Sarzana sono entrato in un ipercoop: mi scoppiavano le orecchie bruciavano gli occhi e giravano i coglioni dopo meno di un minuto.”

    😀

    notevole.

  8. Ho detto a mia moglie: “Guasi guasi faccio anche io la Francigena contromano, come Paolo”. Lei mi ha risposto: “Buon viaggio!”.
    Mi devo preoccupare?

  9. grande Paolo!…

  10. Pingback: La Francigena contromano | Distanti saluti

  11. La prima parte di questo post mi ha davvero colpito, tanto che vorrei postarlo nel mio sito. Me ne dai l’autorizzazione?

  12. My brother told me about a great site where you can get loads of information about ways to grow facial hair. I didn’t realise that some men struggle to grow beards and stuff but I can see why a site dedicated to this subject would be helpful to a lot of men. Anyway, if you want to grow a beard or learn tips to make hair growth faster then visit http://www.growfacialhairfaster.com.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...