Top animaletto

La malinconia la portavano i fiumi.
Non lo sapevo, ma il punto finora più duro del viaggio é stato quello dove i fiumi smettono di colare nel Mediterraneo. Mi hanno spiegato che ho passato il crinale dove i corsi d’acqua cominciano a scorrere verso la Senna, che va a dissetare l’Atlantico, e non più nel Rodano, che accarezza Marsiglia e si tuffa nelle calde acque Mediterranee. Insomma, dopo le Alpi, pure questo ulteriore simbolico ostacolo geografico mi separa ulteriormente dall’italico mare; buffo che a parlarne tanto sia un abitante dell’unica regione della penisola senza coste.

Ho dovuto riempirmi le orecchie di musica, cosa che non avevo fatto per 1300km, tanto erano monotoni e indifferenti gli spazi rettilinei che calpestavo. Purtroppo solo oggi a Reims sono riuscito a scaricare i meravigliosi brani di Radiocontromano, ma meglio cosi, chè da domani danno pioggia e ne avro’ un gran bisogno (un ringraziamento speciale a Patrick, un couchsurfer da fargli una statua, che tra le altre mille cose mi ha concesso due giorni di computer per recuperare tutta la burocrazia informatica: camminare non è mai stato cosi digitale).

Il tempo é cambiato. Non fa più freddo; questo vuol dire che se i bar sono chiusi, io ci rimango sempre male ma almeno mi ci posso sedere davanti a mangiare il mio panino all’aperto senza rischio di congelare. E il cielo è grigio, il che é un bel cambiamento: non è più quella cupola bianco-sporca bassa identica compatta e senza speranza. Ora é grigio, di tanti grigi diversi, nuvole di forme da indovinare e cumuli in movimento; poi qualche volta se ne strappa pure un brandello e Modugno comincia a farsi sentire.

Cosi, presa la rincorsa sul viadotto di Chaumont, son passato a fare un saluto a De Gaulle e da li partito in sella ad un tappo di champagne poco frizzante che ha sbattuto sulla cattedrale; da lassù si vede bene: il paesaggio è ancora eminentemente agricolo ma i campi sono più verdi (forse lo erano pure sotto la neve), i villaggi più frequenti e le strade più facili.
Le scarpe continuano a distruggersi, ma non ho il cuore di abbandonarle, si meritano di arrivare a destinazione e morire gloriosamente in terra inglese. La terra dove la mia méta è tornata a fare la méta appunto, dopo una breve visita francese che se da una parte mi ha rimesso al mondo dall’altra mi ha fatto sentire tutta l’assurdità di starle ancora a lungo lontano; questo e la fatica e l’inverno e i cetrioli nei panini mi hanno convinto a rivedere il percorso, sfrondarlo di alcune tappe inutili, allungarne delle altre e insomma accelerare il passo e abbreviare un poco il tragitto per arrivare prima possibile a Calais, dare il cinque a Chauser, saltare il Tamigi con una capriola e correre a Cambridge a mangiare fudge fino a scoppiare. Tanto qui la Francigena non sanno neanche cosa sia, io dico una roba tipo Santiago e loro annuiscono soddisfatti e fanno bon courage (che è un augurio bellissimo e intraducibile). E poi oramai posso programmare di meno, riesco sempre a trovare una soluzione per la notte, le giornate si allungano e le gambe tengono bene.

Ma si, domani Piccardia, tredicesima regione europea attraversata. Son cose (cit.).

Animale guida: tacchino (ovviamente)
Cose tornate utili: campanile
Cose tornate inutili: guanti
Frase del giorno: gradisce del burro col formaggio?

Annunci

18 risposte a “Top animaletto

  1. Côtes de nuit e Rose di Piccardia,
    buon viaggio ; )
    s.

  2. questa cosa dei fiumi mi ha sempre fatto strano: quando ho scoperto che a losanna c’e un fiume che va verso il mediterraneo e uno che va verso l’atlantico non ci ho dormito per una settimana!

  3. Il video è fantastico e la dice lunga! Per quanto riguarda le nuvole … non so se ricordi un pittore inglese dell’inizio 1800, tale John Constable…. aveva fatto delle nuvole un soggetto da ritrarre instancabilmente, chissà perché!?!?!?! Il francesce non lo conosce nè ho mai avuto la voglia di impararlo veramente, ma ti faccio un augurio in inglese, visto che oramai ti stai avvicinando: take care!

  4. ahahhahaha fantastico il video!

  5. E la Val d’Aosta? 😉
    Buona strada!

  6. coraggio, vecchio mio, anche da milano si fa il tifo per te!

    ne hai fatta parecchia di strada…

    giorgio

  7. Interessante lo scambio d’idee, ma ormai neanche un tacchino francese vuol farsi prendere in giro.Buon proseguimento.

  8. Ciao paolo, appena trovo un attimo volevo registrarti anch’io un messaggio per l’iPod. Sono in cerca di fruttuosa ispirazione. Tenete duro, mi raccomando: tu e le tue scarpe. Ti abbraccio

  9. ahuahuahauahauhauhaah che video!!!!

  10. E certo, lì tutti mangiano il burro, con tutto! Il burro salato è una leccornia, specialmente con i molluschi. Ma se hai occasione provalo con pane e marmellata. Altro che i fudge…
    Vedo che, nonostante la fatica, non hai perso il buon umore e il gusto dell’ironia. E poi pensa: quanti potranno vantare un’esperienza come questa?
    Allora coraggio, a Calais ti aspetta il battello: almeno per qualche ora non dovrai camminare!
    Un abbraccio affettuoso.

  11. bhe se col tacchino ci hai fatto una chiacchierata al posto di tirargli il collo e mangiarlo vuol dire che ancora sei nel pieno delle tue facoltà fisiche e mentali…insomma .. puoi andare avanti senza problemi 🙂

    je te dis bon courage aussi!! t’en ai besoin!!

  12. We Paolo sn Giorgia (l’ex di Alessandro)…
    leggo sempre il tuo blog ma sembra quasi che tu ora stia impazzendo ^^ parlare con i tacchini non è da tutti eh 😀
    Però dai sei un grande, ogni volta che mi sento stanca leggo quello che scrivi e mi sento moooolto meglio!
    Buon proseguimento 😀 bacio

  13. hahahahahahahahahaha !
    C’est la video la plus rigolote que j’aie vue depuis très longtemps.
    Il n’y aurait pas une version en français, ou , pire, en anglais ?
    Bon courage !
    En français, c’est un mélange de : tu es bien courageux, tu en baves mais ça va passer, ça sera long mais cela finira bien par se terminer, patience tu pourras te reposer un jour, tu es sympa j’ai un peu de compassion pour toi, je sais que c’est dur je suis avec toi de tout coeur.

    J F F

    PS tes photos sont belles

  14. grande Paolo! ci stai portando in cammino con te!!!!!! che viaggio, che peregrinar!!!!!!! 🙂 continua così!!!!! Y-A-W-P!!!!
    siamo tutti con te 🙂

    l’andrea da cesena e la sua famigliuola*

  15. Paolo avrei necessità di contattarti, puoi fornirmi cortesemente un tuo recapito-mail-telefono? Non so come rintracciarti. Grazie

  16. Buona strada, man.
    Quando sarai arrivato, guardati indietro e non dimenticarti di chi ti ha aiutato: le promesse che facciamo in viaggio sono le più difficili da mantenere.

  17. andrea bianchi - san carlo di cesena

    ..e il tempo si dilata, lo si conosce meglio.
    il viaggio è diverso dalla partenza e l’arrivo sarà qualcosa da capire molto dopo di quando lo sarà.
    Paolo, grazie di essere stato pellegrino e mio/nostro compagno di viaggio!
    buonissimi ed indimenticabili ultimi chilometri,
    a te questa poesia del poeta inglese William Ernest Henley
    conosciuta nel film Invictus

    Out of the night that covers me,
    Black as the pit from pole to pole,
    I thank whatever gods may be
    For my unconquerable soul.

    In the fell clutch of circumstance
    I have not winced nor cried aloud.
    Under the bludgeonings of chance
    My head is bloody, but unbowed.

    Beyond this place of wrath and tears
    Looms but the Horror of the shade,
    And yet the menace of the years
    Finds and shall find me unafraid.

    It matters not how strait the gate,
    How charged with punishments the scroll,
    I am the master of my fate:
    I am the captain of my soul.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...