Biblioteca di viaggio

Per ovvi motivi di peso non potrò portare con me una gran quantità di libri. Dovendomi specializzare nell’arte zen di comporre lo zaino, ho pensato di radicalizzare la scelta e limitarmi ad un solo testo. Una volta terminata  la lettura, lascerò il libro al primo dei miei ospiti disposto a darmi in cambio un proprio libro di sua scelta (dovrò inventarmi qualcosa affinché la catena non si interrompa al passaggio di confine linguistico). Così facendo dovrebbe comporsi, in maniera più o meno casuale, una ideale biblioteca di viaggio italo-franco-inglese i cui titoli aggiornerò man mano su questa pagina.

Il libro scelto per partire è:

Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov

update (19 gennaio): cambiato libro, Bulgakov stentava a farsi leggere; mi hanno regalato il simpatico No One Belongs Here More Than You della geniale Miranda July. Più in generale temo che il progetto della biblioteca itinerante stia fallendo per il semplice motivo che leggo pochissimo. Quando sono ospite di persone passo il tempo a chiacchierare con loro e fare conoscenza, quando sono in ostelli o simili vado a spasso ad esplorare i luoghi; la sera sono troppo stanco e mi addormento dopo due righe.  Insomma si sta rivelando un viaggio meno librario del previsto.  Staremo a vedere se le cose cambieranno all’estero.

 update (5 marzo): un caro amico mi ha regalato il bellissimo Camminare di Thoreau. Finito quello, ho comprato poco fa Les fourmis  di Vian.

Annunci

5 risposte a “Biblioteca di viaggio

  1. potresati tentare “dire quasi la stessa cosa” di umberto eco che mi sembra adatto al tipo di esperienza che fai.
    hai letto i diari medievali del viaggi da canterbury a Roma
    ciao

    • Quel libro di Eco lo lessi per la mia tesi triennale sulla traduzione de “I fiori blu” di Calvino.
      I diari dei viaggi medievali mi mancano, ho saputo che proprio quello di Sigerico è in realtà il resoconto del viaggio di ritorno a Canterbury. Il contromano piace sempre.

  2. Ciao Paolo!
    Sto per intraprendere anch’io un’ avventura simile alla tua.
    Ancora non ci credo, ma non sto più nella pelle!
    Leggermente diversi partenza e arrivo, Roma-Fisterra (dopo Santiago de Compostela) Curioso come ci accomuni, a parte la vena di follia nel fare una cosa del genere in inverno, anche se io non partirò che a fine Gennaio, il fatto che anche tu sei un Couch Surfer e che anche tu stai leggendo Il maestro e Margherita…beh anche se io l’avrò finito prima di partire…
    Bella l’idea di lasciare il libro in cambio di un altro, è la filosofia del BookCrossing…
    Seguo il tuo blog con interesse, e ti ringrazio in anticipo perché in un certo senso mi farai un po da ricognizione (o apripista).
    Cercherò di carpire ogni informazione che potesse tornarmi utile ed usufruirne lungo il cammino, e ovviamente ti sarò debitore per il copyright..ahahah.
    Non mi resta che augurarti una buona continuazione.
    Good luck!
    Alberto

  3. A proposito di libri e di Inghilterra mi è venuto in mente che avrai sicuramente letto , prima di partire o quando eri a scuola, Chaucer e i suoi Canterbury Tales! Se non lo avessi fatto, beh è proprio il caso di farlo è davvero divertente!

  4. Io invece ho iniziato a leggere proprio Il maestro e MArgherita e .. non riesco a smettere se non termino il capitolo. Oggi mi sono fatta una mangiata di Tolkien per preparare una lezione con film per i miei ragazzi di II e III media! Speriamo bene! NOn demordere cmq dal progetto libri, magari vedi di trovarne di “leggeri”!
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...